Eurilink

1

COLLANE

Cerca libri

Cerca il titolo del libro

LINK

 

RIVISTE E NEWSLETTER

 

 

 

 

Login utente






Social Network

 

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter



VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
LA POLITICA INTERNAZIONALE DELLA SANTA SEDEPOLITICHE INTERNAZIONALI SU ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI







Angelo Spena

LE REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI BANCARI

Prezzo: 16.00 €



PP. 204

COLLANA: STUDI E DIALOGHI GIURIDICI

prezzo: 16,00

ISBN: 9788897931720

Nonostante il tempo trascorso dal primo intervento legislativo (la legge n. 154 del 1992, cd. legge sulla trasparenza), il dibattito sulla tenuta delle regole di comportamento imposte al prestatore dei servizi bancari e finanziari e sulla loro idoneità ad assicurare un’effettiva protezione al fruitore degli stessi mantiene la sua attualità. Costituiscono valida testimonianza di ciò, oltre i recentissimi accadimenti che hanno interessato talune banche del nostro Paese, le frequenti revisioni di tale disciplina a livello sia di norma primaria, che secondaria (le Istruzioni della Banca d’Italia).Tali interventi, nella prospettiva dell’Autore, non hanno risolto i problemi applicativi posti dalla disciplina in esame. La tendenza del legislatore, per vero comune anche ad altri settori, a fissare regole non più generali, ma particolari, ossia legate alla fattispecie concreta che si intende disciplinare , d à luogo spesso a vuoti normativi (si pensi così alla mancata esplicitazione dei rimedi sanzionatori per talune ipotesi di violazione delle regole di condotta da parte dell’intermediario, o al non sicuro modus operandi delle nullità previste dal TUB), non colmati dall’ampio ricorso alla delegificazione, presente anche nel settore bancario e finanziario. Tale tecnica legislativa pone inoltre problemi di compatibilità con le regole di comportamento imposte agli intermediari nei settori contigui della prestazione dei servizi di pagamento e delle operazioni di credito al consumo, nonché di coerenza con le regole previste per il mercato mobiliare. Le relative discipline, per profili non secondari (si pensi alla diversa regolamentazione dello jus variandi), divergono, infatti, sensibilmente tra loro. L’Autore si propone quindi di risolvere tali problemi applicativi, ricorrendo a un duplice strumento di analisi. Il primo, volto ad analizzare la disciplina dei servizi bancari e finanziari, delimitando il suo campo di applicazione rispetto alle norme previste per i servizi di pagamento, le operazioni di credito al consumo e i servizi di investimento, onde evitare possibili sovrapposizioni tra le stesse. Il secondo strumento, volto a verificare se i vuoti normativi possano essere colmati attraverso il ricorso a principi generali, da rintracciarsi non solo nelle disposizioni del codice civile in tema di contratti, ma anche nelle norme che, sebbene specifiche a un determinato settore dell’intermediazione (creditizia o mobiliare), possono assumere, per il comune fine che le ispira di tutelare il cliente dell’intermediario, valenza di regola generale, in quanto tale suscettibile di applicazione anche al di fuori del proprio ambito di competenza.

Angelo Spena

è ricercatore, settore disciplinare JUS 05, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Napoli, FEDERICO II di Napoli. La sua ricerca è stata indirizzata prevalentemente allo studio dei contratti bancari e del mercato finanziario; ricerca che gli ha consentito di pubblicare una serie di contributi e saggi sulla nozione di raccolta del risparmio tra il pubblico, sulla disciplina della legge di trasparenza del 1992 e sulle sue su ccessive evoluzioni fino al Testo unico bancario del 1993, agli aggiornamenti delle predette norme e alla attuazione della direttiva sui servizi di pagamento. Di recente ha pubblicato due saggi, il primo sull'usura in tema di maturity factoring, il secondo sulle nullità previste dal TUB e il loro inquadramento nell'ambito della categoria delle nullità relative.